Te l’ho appena detto!

images

“Ti parlo come un figlio”: si dice quando si parli con il cuore in mano…

“Ti parlo come a un figlio”. Sarebbe più vero rivolgersi anche al padre come ci si relazionerebbe con un figlio.

come ci si rivolge a un figlio, poniamo, adolescente?

Con diplomazia, con mille riguardi, nel timore che una parola in più, un accento in più, una sillaba in più!, possa calare una barriera, possa chiudere una prospettiva, smorzare una confidenza, una luce, la luce.

 Questo “corto”, si potrebbe dire “cortissimo”,  è, secondo me, fulminante. Il papà cosa dice? “Cosa è quello?”

D’accordo: ma quante volte lo ripete!?

D’accordo: ma di cosa è segno la reazione stizzita del figlio?

Cosa sta nella  forbice tra l’indulgenza verso un “bocia” e la “pretesa” verso il “vecio“?

2 pensieri su “Te l’ho appena detto!

  1. Bellissimo questo corto!
    Due spunti: Bernardo di Cluny “Stat rosa pristina nomine. Nuda nomina tenemus.”
    (La rosa esiste prima del proprio nome. Noi possediamo soltanto nudi nomi.)
    E poi l’apertura al mistero, propria del padre che, maturando, ha riscoperto il bambino interiore.
    Geniale!
    Grande Maurizio!!!!!!!!!!!

    Gabriele

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...