Senilità. Ancora Veronesi

 «Quello omosessuale è l’amore più puro, al contrario di quello eterosessuale, strumentale alla riproduzione». 

                                                              (fondazione Umberto Veronesi-blog 21/11/13)
Annunci

4 pensieri su “Senilità. Ancora Veronesi

  1. comunque vada a finire sta storia degli omo che non formerebbero una famiglia tradizionale, resta il problema che se uno vuole bene a un altro non può comandare al cuore,
    amare e sentirsi amati (Late Fragment – Carver) è una necessità primaria e quindi va riconosciuta a tutti.
    E quindi siamo ritornati daccapo.

    Mi piace

    • Grazie Angelo!
      Condivido: il massimo rispetto.
      Ma quel superlativo relativo, uscito dalla bocca di chi da un po’ di tempo non perde occasione… significa lobby. E qui condivido meno.

      Mi piace

  2. Condivido pienamente la posizione di Maurizio: nessuno è qui per condannare (non l’aveva fatto neppure Qualcuno vissuto più di duemila anni fa con una prostituta), ma è proprio quel comparativo che mi disturba.
    Credo, anzi sono convinta, che non ci sia qualcosa di più puro dell’essere compartecipi di un miracolo come quello della vita; e, questo miracolo, da che mondo è mondo, necessita comunque, e per qualsiasi specie vivente (dalle piante agli animali fino all’uomo), di quei 23 cromosomi maschili (di un padre) e di quei 23 cromosomi femminili (di una madre).
    Ed in questa capacità dell’uomo (e della donna) di riprodursi vedo un segno e un riflesso dell’amore di Dio, un amore che non solo è PIU’ puro, ma è IL PIU’ puro.

    Liked by 2 people

  3. Il grande problema posto davanti al mondo, dopo quasi due millenni, resta immutato. II Cristo, sempre splendente e al centro della storia e della vita; gli uomini o sono con Lui e con la Sua Chiesa, e allora godono della luce: oppure sono senza di Lui, o contro di Lui, e deliberatamente contro la Sua Chiesa: divengono motivo di confusione, causando asprezza di rapporti umani e persistenti pericoli di guerre fratricide”. (Papa Giovanni XXIII, Allocuzione nel solennissimo rito di apertura del Concilio Ecumenico Vaticano ll, dell’11/10/1962).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...