Meditazione nella seconda Domenica dopo l’Epifania

Getsemani (1)Il testo che segue sarà letto in tutte le parrocchie saronnesi, durante le eucarestie di Domenica 18 Gennaio.

 

I fatti tragici che hanno insanguinato Parigi;

la crudeltà che sconvolge la Nigeria;

i cento bambini trucidati in Pakistan;

i drammatici scontri in Ucraina;

la violenza nella Terra dove è vissuto Gesù;

il dilagare del terrorismo di matrice fondamentalista in Siria ed in Iraq;

i non pochi conflitti di carattere civile che in Africa interessano Libia, Repubblica Centrafricana,

Sud Sudan, Sudan, Corno d’Africa, Repubblica Democratica del Congo;

in generale tutti gli atti di persecuzione che continuano a seminare morte tra i cristiani e tra le persone buone

che amano la pace e aspirano alla giustizia e alla serenità, tutto ciò non può lasciarci solo emozioni strazianti,

fiumi di parole e confusioni di proclami.

Noi sentiamo un intenso bisogno di preghiera e di pensiero; noi non possiamo lasciare spazio a desideri di vendetta, né possiamo illuderci di metterci al sicuro cercando rifugio nell’indifferenza, né vivere ossessionati dalla paura.

Noi professiamo la nostra fede cercando di imparare anche in questo momento a pregare.

Pregare significa lasciarsi condurre dallo Spirito a interrogare Dio e a invocare che Dio si manifesti Padre,

che venga il suo regno, che visiti con la sua grazia questa povera umanità per donare consolazione e speranza.

La Messa si prolunghi in un momento di preghiera silenziosa. Che sia un tempo per pregare per i morti,

per chiedere che il giudizio di Dio si compia secondo le opere e il cuore di ciascuno,

per invocare consolazione per i vivi, conversione per i persecutori, i fanatici, i fondamentalisti,

per domandare sapienza, coraggio, per i governanti,

per chiedere che gli uomini di cultura e gli operatori della comunicazione mettano le loro risorse

al servizio della riconciliazione tra i popoli, alla ricerca di un pensiero libero e rispettoso.

Che sia un pensiero affettuoso per Papa Francesco, missionario di pace e apostolo del vangelo in terra d’Asia.

 

Segue un tempo di silenzio che si conclude con la seguente preghiera da recitare comunitariamente:

 

Signore, che cos’è mai l’uomo perché di lui ti ricordi, il figlio dell’uomo perché te ne curi?

L’hai fatto poco meno di un dio chiamato a condividere la tua vita e il tuo amore,

eppure si corrompe fino a desiderare la morte, fino a vivere d’odio.

Guarisci i cuori che si consegnano a sentimenti violenti e cattivi,

le menti che si dedicano al male,

le forze impegnate a far soffrire

i progetti che opprimono i popoli,

che trasformano anche i bambini in strumenti di morte,

che sfigurano la bellezza, che umiliano le persone.

Guarisci! Converti! Liberaci dal male!

Donaci il tuo Spirito, Padre nostro che sei nei cieli,

donaci il tuo Spirito perché abbondino i suoi frutti,

amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé.

Donaci il tuo Spirito, Padre nostro,

perché impariamo ad essere tuoi figli,

ad essere forti nel bene,

sapienti nelle scelte,

fiduciosi sempre nella tua presenza,

coraggiosi nel costruire la città dell’amore.

Un pensiero su “Meditazione nella seconda Domenica dopo l’Epifania

  1. Quasi 5 mesi fa, così interveniva il card. Scola in un articolo pubblicato su “Il Sole 24 Ore”:
    «Questa persecuzione deve provocare e scuotere tutti noi battezzati che crediamo troppo tiepidamente e siamo poco coraggiosi nell’impegnare la vita con il Vangelo».

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...