Non erano secoli bui! Spostare i capelli dal viso.

Pietà_bandini_10Sua madre lo amava.

Lo aveva visto quella volta nel parlatorio.

Lei gli toccò i capelli, come una madre fa con suo figlio.

Con quel gesto unico al mondo.

Il gesto che è stato calibrato dai secoli dei secoli,

nel buio e poi dalle collisioni delle prime stelle e dal sollevarsi e ritirarsi delle maree,

gesto preparato dai venti quando il mondo era disabitato

e che solo gli uomini possono fare,

loro che sono quasi niente nell’universo.

Spostare i capelli dal viso del figlio…

Non gli si può evitare niente,

nessuna paura vera.

Nessun pensiero,

nessuna solitudine.

Si possono solo spostare i capelli dal viso.

E una madre lo fece. 

Davide Rondoni: “Hermann. Una vita santa e puntata alle stelle”.

Racconta di Hermann di Reichenau. La storia del nobile erede del conte di Altshausen, nato storpio e per questo abbandonato a sette anni nel monastero benedettino sul lago di Costanza. La pagina del romanzo pubblicata sopra, una vera e propria poesia, è l’incontro tra la mamma e suo figlio.

Hermann, beato per la Chiesa cattolica e per quella evangelica, morì giovane nel 1054 a 41 anni. Ma approfondì gli studi di astronomia, poesia, storia, liturgia.

Uno storpio nei secoli bui del Medioevo.

Elaborò quindi un nuovo sistema di scrittura delle note musicali e i loro intervalli. Scrisse messali e preghiere, tra cui il Salve Regina e l’Alma Redemptoris Mater. Scrisse pure saggi astronomici, gli venne attribuita la suddivisione delle ore in minuti, libri di gesta e cronache.

Uno storpio nei secoli bui del Medioevo.

Costruì astrolabi, orologi e strumenti musicali. Istruì a sua volta una folta schiera di discepoli e, per i suoi lavori, si meritò l’appellativo di miraculum saeculi ricevendo attestazioni di stima e ammirazione da parte dell’imperatore Enrico III e di papa Leone IX , durante le rispettive visite al monastero di Reichenau.

Uno storpio nei secoli bui del Medioevo.

Vorrei proporre la bella recensione che ha composto al proposito Giovanni Fighera sul suo blog La ragione del cuore.

A proposito dei secoli bui del Medioevo:

“Nella cultura comune, quella letteraria, scolastica e cinematografica (si pensi al recente film Robin Hood di Ridley Scott), l’immagine dei «secoli bui» è ben lungi dal morire. La visione dominante è, infatti, quella che lo scrittore Umberto Eco ha trasmesso ne Il nome della rosa: superstizione, roghi, streghe, ignoranza, chiesa corrotta ed eresie sono gli ingredienti dominanti per un mondo di intrighi che sembra più rispondere ad esigenze costruttive di un giallo che ad un’ipotesi di ricostruzione storica veritiera.

Ben diversa è l’immagine che il romanzo del poeta Davide Rondoni trasmette sull’epoca, sull’uomo medioevale e soprattutto su quel poveruomo rattrappito, Hermann lo storpio, che è il protagonista del romanzo. L’«uomo è un peccatore che dipende da Dio» aveva svelato il santo eremita nel Perceval di 220px-Hildegard_von_Bingen_Liber_Divinorum_OperumChretien de Troyes, o, se vogliamo, con definizione altrettanto felice, un «nulla capace di Dio», secondo la bellissima espressione del saggista e romanziere francese Daniel Rops. In una miniatura realizzata nel 1163 santa Ildegarda di Bingen inscrive in una Terra la figura di un uomo, circondato da Dio con il suo abbraccio misericordioso. Poco più di cent’anni prima, nell’XI secolo, vive Hermann il rattratto o lo storpio. Alla nascita la famiglia aristocratica vorrebbe liberarsi di lui, viste le sue condizioni di salute e fisiche, ma poi decide di affidarlo alle cure del monastero di Reichenau. Nel riconoscimento della sua dipendenza da un Mistero amorevole Hermann compie tutta la sua umanità, riconosce che nel suo corpo rattrappito sono presenti dei talenti che non tiene per sé, ma mette al servizio degli altri. Hermann si istruisce, diviene autore di preghiere, tra cui la bellissima Salve Regina, e di trattati. Lui stesso è punto di riferimento per tutto il monastero e per l’intera cristianità. Nel dialogo col Papa, come immagina Rondoni nel romanzo, il povero monaco esclama:

La nostra debolezza umana… È così semplice. Sì, fa piangere e fa ridere. Io non so come aiutarti, padre. Ormai sono stanco, e quel poco che potevo l’ho scritto in pagine che forse il tempo disperderà… Sono l’ultimo dei ciuchi di Cristo, cosa posso fare per te che hai un peso così grande sulle spalle?

A tali parole

il Papa guarda l’omuncolo di cui ormai si parla come «miracolo dell’epoca». Gli guarda le mani contratte. Forse anche la Chiesa intera deve lottare e vivere con un corpo che è rattratto e però è anche un miracolo?

Hermann è esempio limpido di come l’uomo diventi strumento di fecondità, di cultura e di nuova umanità quando riconosce che Dio ci ha amati nonostante il nostro niente e la nostra fragilità. Un afflato poetico percorre le righe del romanzo che in maniera delicata e lirica ci fa percepire anche il respiro faticoso di Hermann e la sofferenza fisica e affettiva che l’ha accompagnato fin dalla nascita. Il romanzo commuove, ad esempio nella scena in cui Hermann viene informato della morte della madre oppure quando parla all’abate della sua preferenza per l’amico monaco Bertold, l’unico che sappia leggere «i suoi silenzi».

Rondoni non vuole raccontare tutta la vita di Hermann, vuole bensì descrivere in alcuni  particolari della sua storia il Mistero del tutto e dell’universale. Nella coscienza che Dio ci ha amati da sempre Hermann vive con pienezza tutta la sua umanità e il grido che alberga nel suo cuore.  Ancor oggi venerato come beato, è «l’emblema stesso della santità cattolica»”

La foto di apertura dell’articolo è della Pietà Bandini, Museo del Duomo. Firenze

Un pensiero su “Non erano secoli bui! Spostare i capelli dal viso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...