Lei: “Lei (She)”.

Charles-Aznavour1Charles Aznavour. Lei. Preludio a giorni luminosi oppure bui. Suona bene: come “Nel sole e nel vento…” di Battisti. Anche qui suona come un per sempre.

Lei, forse sara’ la prima che

io non potro’ dimenticar

la mia fortuna o il prezzo che dovro’ pagar

lei, è la canzone nata qui

che ha gia’ cantato chissa’ chi

l’aria d’estate che ora c’e’

nel primo autunno su di me

Lei, la schiavitu’ la liberta’

il dubbio la serenita’

preludio a giorni luminosi oppure bui

Lei, sara’ lo specchio dove io

riflettero’ progetti e idee

il fine ultimo che avro’, da ora in poi 

Lei, cosi’ importante cosi’ unica

dopo la lunga solitudine

intransigente e imprevedibile

Lei, forse l’amore troppo atteso che

dall’ombra del passato torna a me

per starmi accanto fino a che vivro’

Lei, a cui io non rinuncerei

sopravvivendo accanto a lei

ad anni combattuti ed avversita’

Lei, sorrisi e lacrime da cui

prendono forma i sogni miei

ovunque vada arriverei

a passo a passo accanto a lei

 

“L’aria d’estate che ora c’è nel primo autunno su di me”.

Pregustando un lungo, calorosissimo, inverno, “per starmi accanto fino a che vivrò”!

Qui il per sempre è indubbiamente affermato.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...