Expo, carità e Sciascia

expoHo scritto e cestinato più volte questo post perché lo ritenevo poco pertinente. Magari impertinente.
Insisto nel proposito di pubblicarlo per la considerazione per le opere di Sciascia e perché se “chiede carità anche la roba”, affermazione di una madre anziana nel romanzo, che responsabilità abbiamo nei confronti di chi ha fame?

Ecco un’ode contro lo spreco:

 

“«E come no? Chiede carità anche la roba.» (…)

E del resto sua madre questa religione della roba quotidianamente la testimoniava non ammettendo che si buttasse via il pane raffermo, il cibo che restava nel piatto, la frutta che cominciava ad andare a male.

«Mi viene pena» diceva e mangiava il pane duro e le pere sfatte.

E per questa carità che aveva per i resti della mensa, quasi che implorassero la grazia di diventar feci, una volta o l’altra c’era pericolo che ci restasse secca.”

Leonardo Sciascia – A ciascuno il suo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...