III d’Avvento. “Schegge” di don Fabio Coppini.

donfabioLuca 7, 18 -28

Giovanni Battista si trovava in carcere e pensava: “Annuncio il Regno di Dio, ho battezzato il Messia, lo conosco da che ci trovavamo nel grembo delle nostre Madri e finisco i miei giorni così miseramente?

Vive una crisi che corrisponde alle nostre crisi, che riecheggia i nostri “perché?”.

In Isaia 9,5 Gesù è chiamato “Dio potente”. GESU’ E’ DIO, E SI FA UOMO. Allora Gesù indica a Giovanni la via per tornare in sè: “Approfondisci ciò che stai vivendo, nella Chiesa: guarda e accogli!

Ieri alla “Colletta Nazionale” ho incontrato una persona evidentemente povera che provvedeva ad acquistare cibo da donare: “E’ CHIESA!” All’uscita i volontari si affaccendavano a raccogliere ciò che era stato donato: “E’ CHIESA!”

Un collegamento col viaggio del Papa in Africa.

“La roccia su cui costruire”

Questo è il compito che il Signore assegna a ciascuno di di noi: essere discepoli missionari, uomini e donne che irradino la verità, la bellezza e la potenza del Vangelo che trasforma la vita. 

(Francesco al Campus dell’Università di Nairobi, Kenya. 26 novembre 20015 – fonte http://www.vatican.va)
Annunci

L’amore è…

mother_teresa_loveAmare non significa dare, ma condividere
Non si tratta di concedere al povero un po’ del nostro superfluo, ma di fargli posto nella nostra vita.
Non accontentarsi di buttargli la moneta del nostro portafoglio, ma vivere la sua sofferenza, la sua collera, la sua speranza o la sua gioia, questo è vero amore.

R. Follereau, 1976, Prima dell’ anno 2000 fiorirà una nuova primavera

Un disperato bisogno

2048x1536-fit_hollande-invalidesIl Presidente francese Hollande ieri, commemorando all’Hotel des Invalides i morti dell’attentato terroristico del 13 Novembre scorso, ha definito le vittime dei MARTIRI.

Sempre ieri, il nostro primo ministro Renzi ha ribadito il liet motiv degli ultimi giorni: “più VALORI” contro il terrorismo.

Mi piacerebbe interrogare Francois sull’origine del termine “Martire” o Matteo circa la probabilità che una società che anela al nichilismo dell’ideologia LGBT possa esprimere valori.

Ma rimango stupito e impressionato dal fatto che non si abbiano le parole per discorrere su “cose serie” se non si declinano le categorie di cui il Cristianesimo ha permeato l’Europa.

Vi è un palese, quanto disperato, quanto indicibile bisogno di senso, che solo Gesù è in grado di donare.

Christus vincit. Christus regnat. Christus imperat. Che lo si voglia o no, il Nazareno è Qualcuno che non si riesce a mettere da parte con qualche legge ad hoc.

Gabriele Guzzetti

 

 

In una manona il tepore di un Bambinello – di Giovannino Guareschi

…anche nella “Casa sulla roccia” abbiamo cari amici:

Una casa sulla roccia

1908164_10152481692125598_4183560007681228672_n

Anche don Camillo faceva il presepe. Se avete voglia di sorridere, e magari anche di commuovervi un po’, leggete qualche brano di questo racconto…

***

Si era oramai sotto Natale e bisognava tirar fuori d’urgenza dalla cassetta le statuette del Presepe, ripulirle, ritoccarle col colore, riparare le ammaccature.
Ed era già tardi, ma don Camillo stava ancora lavorando in canonica. Sentì bussare alla finestra e, poco dopo, andò ad aprire perché si trattava di Peppone. Peppone si sedette mentre don Camillo riprendeva le sue faccende, e tutt’e due tacquero per un bel po’. […]

View original post 753 altre parole