Onda su onda

Bruno_LauziUn’altra serata al Betania’s, ed ecco che l’esperto della canzone del bar un po’ si lascia andare ai ricordi di quand’era bambino, e un po’ è “filosofico” come a volte capita, per la gioia del barista e di qualche cliente.

“Ah, Bruno Lauzi! C’è chi l’ha “classificato” come componente della scuola dei cantautori genovesi, ma per me si deve andare oltre: non definirlo, bensì semplicemente ascoltarlo ed ammirarlo per quanto ci ha regalato. Da piccolo ho potuto ascoltare una canzone, tanto saggia quanto allegra..e se dopo 40 anni i nostri figli sentono ancora “la tartaruga” un motivo ci sarà! E, da adulto, non posso che ammirare una canzone unica nel suo genere, sottolineandone quanto sia “grande” una piccola frase nella memorabile “onda su onda”: “Ma non importa!”. Non ci avete pensato cosa possa ruotare intorno ad una frase così?

Certo, tutti sappiamo come è andata a finire la storia dell’innamorato di Sara; ma se ascoltiamo il testo e la musica, parola per parola e nota per nota, percepiamo la triste storia di un naufrago con la ragazza di cui è innamorato che sta danzando ignorando il suo destino.

E poi ecco quel “ma non importa”: chissà quante volte l’abbiamo detta o sentita, simbolo e sintomo di rassegnazione. Una frase dell’innamorato che, con un destino che ignora ma che sente infelice, “nobilmente” si augura la felicità per la propria innamorata ma con una punta di amarezza? Eh no, tutti voi clienti del bar ben sapete cosa gli ha riservato il destino, e sapete che da quel “non importa” non consegue rassegnazione: il naufragio, come tante altre situazioni di crisi, sarà invece un’“occasione”. Il nostro protagonista è stato accompagnato dalle onde su un’isola felice, mentre per noi uomini spero possano bastare le nostre forze, o semmai qualcuno che ci accompagni nei momenti di difficoltà; e scrivendolo a poche decine di minuti dallo scoccare dell’1 novembre, non posso che rallegrarmi, perché so che ci sono grandi Santi che possono ispirarci, ma anche i Santi di tutti i giorni che possono camminare con noi.

Stefano Vanoli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...