Famiglie, energie per la vita. Noi, energia per i figli

untitledIndiscutibile come per una famiglia sia necessario fondarsi su basi solide, principi cardine, valori, buone abitudini…insomma, delle vere e proprie “tradizioni educative” tipiche di ciascuna famiglia.

Alle buone abitudini è poi opportuno inserire delle “buone eccezioni”, momenti speciali che puoi trarre dalla vita della tua comunità, dalla tua città o al di fuori di essa, dai consigli degli amici, da internet …e chi più ne ha più ne metta.

Così domenica scorsa in famiglia abbiamo inserito una “buona eccezione” a poco più di mezz’ora di distanza, frutto di una ricerca su internet compiuta da mia moglie (che, conoscendo dei “buoni siti”, ha consultato quello della diocesi di Milano): un modo speciale per vivere una domenica, affiancando alle “buone abitudini” (Santa Messa in parrocchia/ conversazioni sul sagrato/ pranzo in famiglia) un pomeriggio pensato per le famiglie: “Famiglie: energia per la vita; noi: energia per i figli”. Prima un momento di divertimento insieme e poi per gli adulti un momento di riflessione.

Valido lo spunto: una famiglia compie abitualmente lo stesso viaggio ogni anno per la festa di Pasqua,  ma stavolta, durante il ritorno, qualcosa non va: i genitori, a viaggio già iniziato, si rendono conto di aver perso il figlio dodicenne. E, quando lo trovano (e lui neanche era partito), nemmeno comprendono la motivazione che il figlio da’ loro alla richiesta di spiegazioni posta dalla mamma.

Premessa: risalendo il fatto a duemila anni fa, per quanto concerne il ragazzo, i dodici anni di allora ti portavano ad essere un po’ più maturo rispetto ai dodicenni d’oggi (tant’è che quel viaggio era una sorta di inserimento nella vita adulta; e infatti, quando lo trovano, il ragazzo è intento ad “ascoltare e interrogare” persone adulte, veri “maestri”); comunque, nonostante la maturità del ragazzo, per quanto possa averci messo del suo per non tornare, ti viene spontaneo qualche pensiero su questi genitori che avevano intrapreso il viaggio di ritorno senza il figlio: né San Giuseppe nè la Madonna avevano capito di aver perso Gesù, e chissà per quanto tempo non avevano nutrito alcun sospetto! E se è capitato a loro di non accorgersi subito dello smarrimento di un dodicenne …

Ora, non sta a me spiegarVi la lectio (LC 2, 41-52), ma mi piace evidenziare quanto di positivo/arduo/importante ci può aspettare; magari noi genitori potremo cogliere segnali di cambiamento, o forse no, o magari vedendoli li sottovaluteremo…. fatto sta che se ci arrivano i segnali (colti o arrivati dopo lo “smarrimento” – o“crisi” o “incidente” che sia), cerchiamo di fare come Maria che li “custodiva” “nel suo cuore” (che prima non comprende e che poi medita). Insomma, piuttosto di reagire subito, senza forse aver ben capito, cerchiamo di aspettare il momento giusto, continuando con tradizioni educative e buone abitudini di famiglia, che certo hanno lasciato il segno, ma riallineandoci, cioè cercando un modo nuovo per comunicare quanto già trasmesso. Quindi anche una crisi potrà essere positiva, perché superandola farà maturare di più la famiglia.

Niente male la giornata, vero? momenti importanti per noi genitori, e momenti belli, di gioco e di riflessione, anche per i figli.. e festoso il momento di famiglia conclusivo con le lanterne cinesi che salivano nel cielo ormai buio.

Perciò una giornata eccezionale quella passata l’altro ieri a Vedano Olona… come potrebbero essere “eccezionali” ancora due momenti sul tema della famiglia “energia per la vita” (“fonte di vita in quanto motore di quotidianità, custode dello spessore e della qualità di ogni giorno, fonte di energia in senso di fiducia e positività verso il futuro”), che l’Azione Cattolica di Milano organizzerà il 7 febbraio a Costa Masnaga e il 10 aprile a Gorgonzola.

In conclusione.. non sempre puoi trovare spazio a quanto di buono scopri o ti consigliano, visto che hai già le tue buone abitudini di famiglia; ma se cogli qualcosa di “eccezionale” che può “allinearsi” con le tue tradizioni educative e “darti energia”….almeno un pensierino fallo! Magari è un buon segnale da cogliere!

Stefano Vanoli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...