Mamma che allatta.

Il nostro Giordano ci segnala questa serie di istantanee colte  in una qualsiasi delle nostre città. Sensibilità di un “tre volte nonno”…

L’Autore individua la Bellezza “che contagia”. Prendiamoci un attimo per riflettere!

di Umberto Folena:
Gino Severini "Madre che allatta" 1916
Gino Severini “Madre che allatta” 1916

Nella pausa pranzo, il parco nel cuore della metropoli si affolla di impiegati e funzionari in cravatta che si nutrono (a mangiare sono gli operai) di pallidi panini da cui sbucano lattughe moribonde o rucole spente e intanto fanno scorrere il pollice sul tablet. Forse in un attimo di confusione lo addenteranno, trovandolo più gustoso. Giovani donne e uomini intanto corrono su e giù in completi attillati e portamento eretto e fiero, gli occhi fissi innanzi a sé nel nulla, gli auricolari infilzati nelle orecchie per non dover ascoltare il silenzio degli alberi e del laghetto. Ma all’ombra, su una panchina appartata, c’è una giovane donna che sorride. Davanti a sé ha una carrozzina. La testa reclinata a destra è fissa sul suo bambino che succhia il latte dal seno. Chi e cosa hanno più senso? I runner che presto rientreranno nei loro uffici impegnati in altre dure corse? Il funzionario terrorizzato dalla lattuga incastrata tra i denti? Tutti così drammaticamente isolati? O la mamma con la sua relazione speciale, unica, esclusiva con il suo bambino, che nel parco, sulla panchina verde, è un monumento vivente all’amore e alla vita? Passo veloce, senza fermarmi. Lei alza il capo, senza smettere di sorridere. «Siete bellissimi» le dico, e tiro dritto sperando di non aver disturbato tanta beatitudine.

fonte: Avvenire 23/01/2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...