2. Officina “Quanto è corretto il politcamente corretto?”

veritaIl politicamente corretto finisce per diventare eticamente scorretto.
Questo per me uno dei punti chiave attorno ad una espressione ormai abusata – soprattutto in ambito politico – ed entrata nel vocabolario qualche anno fa, in traduzione al politically correct americano, in origine inteso come invito ad un linguaggio più rispettoso e non offensivo.

Peccato che si sia assistito progressivamente ad un rovesciamento del linguaggio, per cui in nome del politicamente corretto si perde spesso il senso della verità e della giustizia delle cose. Si è smarrito il corretto…. il buono, giusto e vero degli antichi filosofi.
Il politicamente corretto fa danni quando assottiglia sempre più i nostri spazi di libertà, quando chiude la discussione attorno a certi temi, quando a furia di voler proteggere le minoranze (etniche, religiose, ultimamente quelle sessuali), impedisce all’identità del singolo di esprimersi pienamente e non valorizza la sua vera dignità.
Il rovesciamento finisce per provocare una discriminazione al contrario.
Va quindi combattuto il politicamente corretto? 
Diciamo che il senso nobile di questa locuzione ha smarrito la strada.
Forse bisogna ripartire dall’essere semplicemente corretti, dalla capacità di mettersi in discussione, avendo come bussola la ricerca della verità.
Silvia Grimoldi
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...