5. Officina: “Quanto è corretto il politicamente corretto?”

mfront_dontoninobelloPiù volte mi sono letteralmente scontrata con gli scritti di don Tonino Bello, un prete forse un po’ scomodo, ma sicuramente senza peli sulla lingua.

Così, leggendo uno dei suoi libri, ho scoperto un testo veramente “politically scorret”: il Magnificat di Maria, non solo un canto d’amore e di liberazione, ma anche un canto di ribellione e di trasgressione.

Nel Magnificat, Maria non sceglie una posizione neutrale o comoda, si schiera decisamente dalla parte dei poveri e dei miseri di tutti i tempi, di tutti coloro che non contano nulla.

Maria fa una scelta precisa: quella di  giocare con la squadra che perde arruolandosi, per così dire, nell’esercito dei poveri, senza però alzare le armi contro i ricchi, ma quasi invitandoli alla diserzione.

Con il Magnificat Maria ci insegna che non bisogna dare sempre ragione a tutti solo per amor di quieto vivere perché ci sono situazioni in cui bisogna prendere una posizione, senza ambiguità e senza mezze misure.

Con il Magnificat, Maria ci invita a smettere di andare sul sicuro, ma a rischiare in prima persona  facendo magari scelte apparentemente e umanamente perdenti.

Con il Magnificat, Maria sembra volerci dire di non cercare sempre di voler conciliare posizioni opposte facendoci scudo con il discorso dell’universalità cristiana.

Con il Magnificat, Maria ci chiede di uscire da una neutralità che ha solo l’odore e il sapore della paura, prendendo una concreta posizione a favore dei poveri.

Leggendo il Magnificat con l’umanità di don Tonino, mi è chiaro che solo un cristiano politicamente scorretto può realmente dare una testimonianza viva di verità e di libertà, di giustizia e di pace, regalando all’uomo di oggi un nuovo orizzonte di speranza.

 

P.S.: a volerla dire tutta, nel Magnificat un altro personaggio appare politicamente scorretto: Dio, che, come canta Maria, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote.

 

Norma Lattuada

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...