Marietta, testimone del perdono e prossima a Yara, Fortuna, Maria

maria_gorettiLe bimbe violate e uccise della cronaca come tante Maria Goretti. Grazie Lidia per questa Tua recensione. La festa di santa Maria è trascorsa da poco ed è bello pensarla in comunione con queste bambine.

di Guido Mocellin

WikiChiesa. È difficile dubitarne: se l’aggressione sessuale e l’assassinio di Maria Goretti per mano di Alessandro Serenelli fossero avvenuti oggi anziché un secolo fa, si sarebbero immediatamente precipitate alle Ferriere di Conca le troupe di “Chi l’ha visto” e di “Quarto grado”, gli studi televisivi e i social network si sarebbero riempiti di parole e immagini di e su Marietta e gli opinionisti specializzati avrebbero sviscerato i più intimi e possibilmente morbosidettagli dei rapporti pregressi tra lei e Alessandro (e tra il padre di Alessandro e la madre di Maria). Ovvero la bambina, anziché sugli altari della devozione ecclesiale, sarebbe finita su quelli, assai più precari, della popolarità mediatica, insieme a Yara Gambirasio, Fortuna Loffredo, Maria Ungureanu…
Un paio d’anni fa, rilanciando le notizie contenute in un volume di Ugo De Angelis, i media ipotizzarono che, per condivisa volontà del papa emerito Benedetto XVI e del successore Francesco, Maria Goretti potesse essere proclamata «protettrice delle donne vittime di violenze». In questi giorni i vescovi di Albano, monsignor Semeraro (l’ospedale dove Maria morì, a Nettuno, è ora la «tenda del perdono») e di Latina, monsignor Crociata, hanno ricevuto dal Papa un messaggio che, parlando della santa, ne sottolinea soprattutto, in chiave giubilare, la testimonianza d’amore e di perdono verso il suo assassino; e poi la vita di povertà e il fervore «per Gesù Eucaristia, senza la cui forza non avrebbe potuto compiere la scelta fondamentale della sua breve esistenza». Certo: c’è stato un tempo e un mondo in cui una ragazzina, per resistere al tentativo di trasformarla in oggetto sessuale, doveva ricorrere alla forza della fede. Oggi così non è, almeno nelle nostre “società avanzate”. E tuttavia tante ragazzine (oltre che tante donne adulte) continuano a pagare con la violenza e con la morte la sacrosanta resistenza all’altrui desiderio e volontà di possesso. Per questo anch’io sento “Marietta” Goretti così prossima a tutte loro.

fonte: Avvenire 26/06/2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...