Un’isola nell’Isola

È da poco passato il 27 gennaio, Giornata della Memoria.

Nel quartiere Isola, a Milano, vicina a dove lavoro, passo spesso alla Chiesa del Sacro Volto, che ho scoperto essere stata la parrocchia in cui visse e operò don Eugenio Bussa (che lì è anche sepolto). Una storia che merita di essere conosciuta: questo prete milanese fu nominato nel 1990 Giusto tra le Nazioni, per i tanti bambini ebrei, che provvide a nascondere tra il 1943-44 (organizzando una colonia di sfollamento per i figli dei bisognosi a Serina, in Val Brembana, nel bergamasco).

L’aiuto ai perseguitati politici, durante gli anni del fascismo, gli costò anche l’arresto; la liberazione venne per l’azione decisa degli abitanti del quartiere e l’intervento personale del Cardinal Schuster.

Fronteggiò i bombardamenti, gli sfollamenti, la fame, il distacco dai suoi ragazzi partiti per il fronte. Ma riuscì a tenere le ideologie fuori dall’Oratorio. Figura carismatica, tutta la sua vita fu spesa per i giovani che trovavano in lui il sacerdote, l’educatore, il maestro di vita, il papà.

“Sempre avanti, sempre sulla breccia e mai paura!”, il suo motto.

Un’isola nell’Isola, un esempio del tono ‘sommesso’ di Dio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...