Il Coro.

Gaudenzio Ferrari “Il Concerto degli Angeli” 1535-36 – Cupola del Santuario di Saronno

Il coro è un esercizio di gruppo, di comunità .

Ci sono i bassi, che sono le fondamenta,
così come l’altezza dal suolo si determina dal livello del mare, così l’armonia acquista senso solo in relazione alla nota più bassa.

Ci sono i contralti, che definiscono l’armonia e i colori, quindi le emozioni della musica.
Felicità o tristezza della musica dipendono dalla loro abilità di eseguire correttamente la parte.

Ci sono poi i tenori, di solito i bulli del gruppo… danno corpo, colore e brio alla musica.
Senza di loro non avremmo un quadro completo.

Infine i soprani, le finalizzatrici della nostra azione, le trascinatrici dell’assemblea.
Sono un po’ come la Madonnina del Duomo, la Cattedrale non avrebbe il suo fascino senza di Lei e Lei non potrebbe fare a meno del suo basamento.

Un coro funziona solo se ogni sezione è ben rappresentata e bilanciata con le altre… e solo se si rispetta il lavoro degli altri senza prevalere, per il bene di tutti e per il compimento dell’opera.

fonte: Coro “Shekinah è”

Grazie al nostro Massimo Ceriani per la segnalazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...