Senza fede diciamo «non ho paura» come i bambini che cantano nel buio.

Qui al Bar contiamo sulla capacità sensibile di Marina Corradi di guardare, scrutare ciò che accade. SENSIBILITA’ NON EMOTIVITA’! Da Avvenire di ieri.

Caro Avvenire,
davanti alle tante violenze che si consumano nel mondo mi domando perché in questa società globale che tutti ci accomuna nella vita e nella morte si tenti di cancellare ogni tipo di meditatio mortis. Il silenzio solenne o il religioso silenzio che dovrebbe regnare sovrano davanti ai morti viene spesso ‘trafitto’, e la sopraffazione di questo ‘riposo’ – a volte inconsapevole, altre no – invece di farsi memoria si trasforma in oblio. Forse, quell’ostentato «non abbiamo paura» dei vivi o dei sopravvissuti si trasformerebbe, attraverso la meditatio mortis, in un comportamento più responsabile che testimoni una fiduciosa speranza, soprattutto cristiana, che superi l’inevitabile naturale paura della morte. Cordialità

Pietro Ernesto Malgarini

Nelle ore tragiche dell’attentato a Barcellona come tutti alla tv ho assistito a lunghe ‘dirette’ dalle strade della città catalana, in cui, a causa del pochissimo tempo trascorso dalla strage, continuavano a scorrere sempre le stesse immagini, e a parlare, soffocati dalla paura, sempre gli stessi testimoni. Dopo mezz’ora che le stesse foto e le medesime parole si ripetevano concitatamente, ho rimpianto i tempi in cui i tg davano, di una tragedia, la secca notizia, prima che ci fosse il tempo di collegarsi con il luogo dell’evento. Perché quello sgranarsi di volti e parole ripetute aveva quasi l’effetto di banalizzare l’accaduto, di spiegarlo prematuramente, senza che fosse dato all’ascoltatore il tempo di assorbire interiormente ciò che veramente sulla Rambla era successo. Mi sembrava, quella profusione di parole, un volere dire l’indicibile, senza l’attimo di silenzio che ognuno di noi istintivamente sospende nel cuore, come una bolla di vuoto, alla notizia di una morte, o di tante morti, assieme. E tutte quelle parole premature e irrefrenabili mi parevano, come scrive il lettore, più una forma di oblio che di memoria, un moltiplicarsi di voci là dove forse avrei voluto una immagine da Barcellona, una sola, e un lungo silenzio. Ma forse questo mondo mediatico è incapace di silenzio, e risponde al terrore come può, con questa frammentata logorrea. Anche il ripetere ostentato quel «Non abbiamo paura» mi ha lasciato perplessa. Non abbiamo paura? Ma se basta una borsa dimenticata in una stazione, comprensibilmente, a creare il panico, ma se è impossibile difendere completamente tutte le nostre piazze, i nostri monumenti, i nostri stadi, come possiamo dire che non abbiamo paura? Io per i miei figli, quando li so in giro sul metrò di Milano o in treno o a manifestazioni di piazza, ho paura, eccome se ne ho. E non credo di essere diversa dalle altre madri, dagli altri padri. Noi abbiamo paura, dovremmo forse dire onestamente. Cerchiamo di andare avanti, ma ne abbiamo. Che cosa allora mi impedisce di paralizzarmi nell’angoscia, ogni mattina? Giacché non penso che i terroristi abbiano finito di uccidere, e temo che altri cadranno. Ciò che mi salva dalla paralisi è la fiducia – lo ammetto, certi giorni una fiducia tremante – nel disegno di Dio per ciascuno di noi, e per ciascuno dei nostri figli, disegno che esiste da sempre, e per ognuno. Certo, questo disegno può comprendere anche una morte violenta, ma perfino in questa tragica evenienza non sarà mai un caso cieco a governare le nostre vite. Solo in questa meditatio mortis – ma anche meditatio vitae – cristiana potrei, con uno sforzo di coraggio, dire «io non ho paura». Se questa fede però non c’è, le grandi, fiere e perfino belle folle che nelle piazze ripetono la stessa frase mi fanno pensare ai bambini nel buio: che parlano e cantano, per farsi coraggio.

3 pensieri su “Senza fede diciamo «non ho paura» come i bambini che cantano nel buio.

  1. “Ciò che mi salva dalla paralisi è la fiducia – lo ammetto, certi giorni una fiducia tremante – nel disegno di Dio per ciascuno di noi, e per ciascuno dei nostri figli, disegno che esiste da sempre, e per ognuno. Certo, questo disegno può comprendere anche una morte violenta, ma perfino in questa tragica evenienza non sarà mai un caso cieco a governare le nostre vite. Solo in questa meditatio mortis – ma anche meditatio vitae – cristiana potrei, con uno sforzo di coraggio, dire «io non ho paura». Se questa fede però non c’è, le grandi, fiere e perfino belle folle che nelle piazze ripetono la stessa frase mi fanno pensare ai bambini nel buio: che parlano e cantano, per farsi coraggio.”

    Grazie Marina, grazie di cuore perché hai detto con lucida chiarezza che solo la fede in Dio e nel suo progetto su di noi, PUO’ darci un minimo di coraggio e farci timidamente pronunciare di non aver paura. Era un pensiero che si agitava nella mia mente da tanto….a volte avrei voluto parlarne con qualcuno che potesse capirmi e senza volerlo mi hai risposto. Anche ieri meditando sul martirio di san Giovanni Battista e pensando alla triste sorte che gli era stata riservata c’era di che scoraggiarsi ma poi ho pensato a GESU’ ed a tutto quello che è scaturito dalla sua croce, morte e RISURREZIONE ed allora mi sono detta per l’ennesima volta che conta la vita che ci aspetta e non quella che stiamo vivendo. Scusatemi tu e Maurizio se sono stata poco chiara ma penso mi abbiate compreso.

    Piace a 1 persona

  2. Grazie Lucetta della confidenza!
    Sarebbe bello che il Bar diventasse sempre più luogo della confidenza, come usi fare Tu.
    Anche a me la riflessione di Marina ha aiutato; e sto cercando di condividere con gli amici del Betania’s il desiderio, e la possibilità concreta, di… dissipare la paura. E il disagio, che non si riesce a spiegare se non alla luce della fede, che si prova per certe reazioni emotive di fronte alla paura. L’applauso dopo un funerale, per esempio: sembra che il “rumore”, pur commosso, possa esorcizzare il “fantasma” del mistero della morte. Come i “peluches” deposti sul luogo dell’attentato…
    Marina ci ha proposto il Silenzio, non di smarrimento, di consapevole meditatio mortis ma anche meditatio vitae.
    Grazie alla sensibilità delle Donne!
    Maurizio

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...