Come può la Chiesa chiedere fedeltà al peccato?

“Dio abbia pietà di noi perché siamo peccatori e ci benedica perché ne abbiamo bisogno.”

il blog di Costanza Miriano

di Costanza Miriano

Caro don Gian Luca Carrega,  mi dispiace molto che lei abbia ricevuto in un anno un solo invito a un matrimonio (non si dice “tradizionale” come scrive la Stampa: è l’unico matrimonio possibile, quello senza aggettivi, quello sacramentale, quello fra un uomo e una donna) e ben tre unioni civili, che lei definisce gay, e che invece si chiamano omosessuali, perché gay è una parola supina all’ideologia omosessualista. I gay infatti non sono affatto più contenti della media delle persone.

Mi dispiace molto per lei, ma si faccia due domande. Forse lei non è abbastanza credibile, come sacerdote. Forse non profuma di Cristo, forse nessuno attraverso di lei segue la proposta di fede della Chiesa perché lei non fa evangelizzazione per inseguimento, come vuole il Papa. Forse attrae solo un determinato tipo di persone perché lei gliela manda per il verso loro: cioè dice loro che va…

View original post 920 altre parole

4 pensieri su “Come può la Chiesa chiedere fedeltà al peccato?

  1. Vedo due cose terrificanti in questa storia; l’articolo orrendo, farisaico e idiota della Miriano e la scelta (pavida) del vescovo di sospendere il ritiro.

    Avanti amici col Catechismo in mano: chi prende la prima pietra?

    Gabriele

    "Mi piace"

  2. “Dio abbia pietà di noi perché siamo peccatori e ci benedica perché ne abbiamo bisogno.”

    Tira aria frizzante al Bar…
    Nessuna pietra alzata contro alcuno; data la premessa.
    Forse non Ti ho inteso e chiedo solo: nessun riferimento nel Catechismo al riguardo?
    O, forse, c’è ed è stato male interpretato?
    Grazie, Gabriele
    Cordialmente.
    Maurizio

    "Mi piace"

  3. Il Catechismo è il tentativo umano di decifrare la Parola di Dio. E’ un cammino a tappe, una succesione di scoperte. Racconta cosa la Chiesa (noi) abbia compreso in 2000 anni di riflessione sui testi biblici illuminati dalla venuta di Gesù.
    Ma il Catechismo non sostituisce la Parola.
    E in essa troviamo un Gesù alle prese con una donna colta in flagranza di adulterio.
    Provate a riprendere quel brano.
    Esiste l’amore extraconiugale? Sì.
    E’ un luogo abitato da Gesù? Cioè è un luogo in cui si può incontrare Cristo? Sì, poichè Lui abita ogni luogo.
    E’ un luogo dove Gesù può agire educazione, compassione, conversione, perdono? Sì.

    Ora vi basta sostituire la parola “extraconiugale” con un altra che oggi (e non 2000 anni fa) scandalizza altrettanto.

    Gabriele

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...