Un passo indietro.

A tutti, allora, un augurio di un tempo fecondo di incontri e di esperienza di vera umanità. Ne abbiamo bisogno.

Fausto Corsetti

Fa parte della vita il giusto e necessario riposo e vivere bene le vacanze non è un affare di poco conto, soprattutto se conosciamo l’importanza delle pause nel ritmo faticoso e talora frenetico del lavoro e della vita quotidiana.
E’ un esercizio che mette in gioco la saggezza di ognuno, aiuta ad acquistare il senso della gratuità. C’è un rapporto profondo che lega il “tempo occupato” con il tempo libero . Ma non è un rapporto strumentale, è una complementarità che aiuta l’armonia della vita.
Quindi, anche la vacanza ci fa crescere in umanità. Il cambiamento del ritmo, una certa quiete e il tempo disponibile per pensare ci aiutano a guardare dentro noi stessi, a vedere come siamo cambiati. E’ un esercizio importante. Uscire dal “trantran” quotidiano aiuta a riscoprirsi. E poi la vacanza – almeno se non è un’evasione, una fuga verso improbabili paradisi artificiali – ci fa riscoprire la contemplazione e l’amore della natura e degli uomini e delle loro opere. Non c’è bisogno di fare indigestione di viaggi o musei; ma guardare con calma, cioè contemplare un paesaggio, un’opera d’arte, un cielo stellato… può essere un’esperienza che arricchisce sempre.

La vacanza offre spazio per l’amicizia e il dialogo; e non dobbiamo sorprenderci se ci riscopriamo un po’ arrugginiti. Anche il dialogo tra genitori o con i figli non è sempre facile, e perciò tanto più necessario. Serve pazienza e ottimismo; e anche qualche progetto comune. L’estate è il tempo privilegiato per qualche esperienza di condivisione, di solidarietà. Migliaia di campi scuola, momenti di studio e di raccoglimento, settimane di servizio a persone sole o emarginate… La realtà delle vacanze non è quella che ci offrono i media, con le loro immagini patinate e mondane, in diretta dai grandi centri dello spreco e, spesso, del cattivo gusto. La realtà è questo immenso alveare di cose buone e gioiose che persone di ogni età e condizione sanno costruire insieme, ogni anno.
Facciamo un passo indietro. Un passo indietro per vedere cose diverse, mai notate prima. Spostiamo il punto di vista, proprio la posizione per così dire geografica da cui osserviamo uno scenario, e vedremo un aspetto diverso della nostra vita. Con meno coinvolgimento, meno preoccupazioni.
Potremmo anche scoprire che, se ci distacchiamo un po’ dal lavoro, dalle cure familiari, dalle incombenze quotidiane, c’è dell’altro oltre le tante faccende che ci agitano. Quando si sta troppo dentro le cose, esse perdono parte della loro verità.
Spesso i nostri occhi, ingordi di immagini da schermi e schermucci, non sanno vedere la bellezza di un fiore; la nostra vista, eccitata da figure esasperate ed eccessive, non sa più cogliere la semplice purezza di un’alba e di un tramonto.
Un passo indietro, una minima presa di distanza, da lontano. Per favore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...