La rivoluzionaria mamma di Oliviero.

Sono stato dubbioso se condividere la seguente dedica a una mamma, per di più di qualità magistrale. Lo sono stato per via dell’autore: Oliviero Toscani. Il brano è tratto dal suo libro Non sono obiettivo (Feltrinelli, 2001).

Il mio dubbio è espresso bene da Bariom, il primo commentatore dell’articolo pubblicato sul blog di Costanza Miriano: “Uno sprazzo di luce in una mente che pare essersi richiusa nuovamente in una caligine di tenebre…
Speriamo per lui ne abbia uno definitivo e prima di morire. Il giudizio definitivo a Dio.” Nonostante questo sono tornato frequentemente sul “set” dello stravagante fotografo ad ammirare… l’istantanea.

E così, per salvare “capra e cavoli” ho chiesto aiuto al Manzoni che ha fatto amare da Federigo, con la tenerezza della Chiesa che impersonava, un Innominato, smascherato da Lucia, invitato a cercare nel profondo i motivi della propria “uggia”.

«Ieri mia madre mi ha detto: “Ho avuto un solo uomo, tuo padre”. All’improvviso si sono sgretolati anni e anni di liberazione sessuale, di convincimenti libertari, di mentalità radicale. Tutto quel che avevo creduto una conquista civile si è ridimensionato di fronte a quella semplice affermazione: “Ho avuto un solo uomo, tuo padre”. Sono stato messo di fronte Continua a leggere

“Siamo un Popolo e abbiamo un programma”.

La stima tra i cattolici non è un optional.

Osiamo oggi parlare di politica. A dire il vero ci siamo azzardati in argomenti ben più compromettenti, ma il “rischio”, come ci ricorda la nostra Silvia, è una possibilità.
Anzi: lasciamo interloquire due personaggi, in qualche modo, ingombranti. Si tratta di Mario Adinolfi, direttore de La Croce e di Marco Tarquinio per Avvenire“. La fonte è Avvenire del 5 agosto 2017.

Caro direttore,

sono stato amico di Giovanni Bianchi (ex presidente Acli e Ppi scomparso il 24/7 scorso. n.d.B’sB) con cui ho condiviso i pochi anni di vita del Partito popolare italiano dalla rifondazione nel 1993 fino al Consiglio nazionale che ne determinò lo scioglimento dieci anni dopo (e fui l’unico consigliere nazionale Ppi a votare contro la proposta di confluire nella Margherita). Ricordo di Giovanni, insieme, fermezza e candore: due qualità che non sempre marciano insieme in una persona. Per conoscerlo bene andavano letti i suoi libri di poesie, davvero stupefacenti. Colgo l’occasione fornita da Franco Monaco per accennare a qualche considerazione sul futuro dei cattolici in politica, Continua a leggere

BREXIT.

È il 6 febbraio 1943. Il dottor Ernst Illing, psichiatra responsabile di un ospedale del Terzo Reich, scrive ai genitori di un bambino ricoverato:

«Devo comunicarvi il mio rammarico nell’informarvi che il bambino è morto il 22 gennaio 1943 per infiammazione delle vie respiratorie… Egli non aveva fatto alcun tipo di progresso durante il suo soggiorno qui. Il bambino non sarebbe certamente mai diventato utile alla società ed avrebbe anzi avuto bisogno di cure per tutta la vita. Siate confortati dal fatto che il vostro bambino ha avuto una dolce morte».

Nella Germania nazista più di 5000 bambini e adolescenti con disabilità fisica o disturbi mentali furono uccisi in reparti speciali, come quello del dottor Illing.

Dopo una prima fase, atrocemente “limitata” ai malati inguaribili, si passò alla mattanza: anni di eutanasia selvaggia che coinvolsero dai portatori di malattie ereditarie anche non gravi a semplici malati di broncopolmonite, dai neonati deboli agli anziani fragili. Un mantra attraversava il cielo della Germania: “vita indegna di essere vissuta” (lebensunwertes Leben). Oggi, mentre il piccolo Charlie Gard… QUI l’articolo completo.

di Giacomo Bertoni

fonte: Il Blog di Costanza Miriano 29/7/2017

 

Il metodo di Satana

“Noi ci alzeremo in piedi.”

il blog di Costanza Miriano

di don Alessio Geretti

Ecco. Hanno tolto a un bambino prima la cura di mamma e papà, poi la possibilità di lottare in un tentativo di speranza, poi il respiro. Hanno dovuto trasferirlo in un hospice, perché ci sono strutture che condannano a morte ma che non vogliono eseguire poi la condanna; e poi bisogna che chi va eliminato senta di non essere più nell’ambiente che gli era – malgrado tutto – divenuto familiare, così deve anche patire la sensazione di estraneità di un mondo che gli sta dicendo “vattene”.

View original post 95 altre parole

Charlie e le domande che vengono a galla

Da settimane sui media si parla del piccolo Charlie Gard, affetto da una rarissima malattia genetica. I medici dell’ospedale inglese dove è ricoverato avrebbero deciso di interrompere la cura intensiva cui è sottoposto, ottenendo l’avallo anche in sede giudiziaria; i genitori, contrari a questa decisione, si sono appellati alla sentenza inglese.

Le ultime notizie, però, dicono che si sarebbero arresi, rinunciando a proseguire cure che sarebbero ‘accanimento terapeutico’ e provocherebbero nuove sofferenze, per uno stadio di malattia ormai irreversibile.

Difficile per i non esperti entrare nella questione medico-scientifica e nei pro/contro della cura alternativa, in un primo tempo prospettata negli Stati Uniti. Non è questo il mio intento.

Mi sono domandata a lungo se fosse giusto scrivere un articolo su Charlie. Quando si dice che serve prudenza, discrezione e rispetto, vuol dire che non se ne deve parlare?

Cosa ci può dire questa vicenda sulla concezione che della vita hanno i cristiani? Anch’essi credono che, davanti a questi casi, nessuno riesca a dare elementi per chiarire una volta per tutte la questione?

Provo a dire quello che ho capito, dai molti articoli letti:

– la ragionevolezza giuridica e clinica non è tutto

– il normare tutto, l’affidare tutte le questioni alla legge …non funziona (!), come pure l’autodeterminazione del soggetto, il singolo che decide tutto di sè (non siamo nell’epoca dell’individualismo spinto?)

chi può ultimamente dire, fossero anche i suoi genitori, che ‘il morire è nel miglior interesse di Charlie’?

– se è Dio l’artefice di tutte le cose, cosa ci sta dicendo, facendoci passare da questa sofferenza?

se anche non ci fosse l’amore dei genitori, quella di Charlie non sarebbe vita degna di essere vissuta? E se uno è solo al mondo, e nessuno gli vuol bene?

La vita di chi crede in Dio non si appella a certi ‘standard accettabili’, ma è misurata solo dall’amore. Per questo, secondo me, morire con dignità, non ha nessuna dignità.

Il problema non è difendere a tutti i costi il diritto dei genitori.

La questione vera è difendere il bene oggettivo, la vita.

Come dice una canzone “keep me searching a heart of gold”, l’uomo cerca un cuore d’oro, incessantemente cerca, tutta la vita, un cuore che lo ami.
Ecco… Dio ama, sempre, pienamente.

Benedetto chi viene nel nome del Signore.

Antonietta Porro. Lo scrigno della Memoria. Monsignor Delpini nuovo arcivescovo di Milano. Sono gli ingredienti delle riflessioni di oggi. Ringraziamo per questo post sullo Spirito Santo che viene pubblicato anche sul bollettino della Parrocchia di san Giulio in Barlassina.

Questa volta l’apertura dello scrigno della memoria è stata sollecitata dagli eventi in maniera particolarmente forte, repentina, come quando un colpo di vento impetuoso fa aprire improvvisamente una porta. Così, come un vento impetuoso, lo Spirito del Signore entrò nel Cenacolo: e anche nella storia che sto per raccontare il protagonista vero è lo Spirito Santo.
Ben oltre quarant’anni fa, quando ero matricola di lettere classiche all’Università Cattolica, mi fu chiesto di prestare i miei appunti delle lezioni, una volta che avessi finito di servirmene, ad un giovane sacerdote del Seminario di S. Pietro, mio compagno di corso ma già impegnato nell’insegnamento ginnasiale in Seminario, e dunque talvolta impossibilitato a frequentare personalmente le lezioni. Lo feci con piacere; il giovane sacerdote, una volta consultati gli appunti, me li restituiva puntualmente portandoli di persona a casa mia. Fu così che divenne amico mio e della mia famiglia; negli anni l’amicizia Continua a leggere