Parola di don Fabio Verga.

Don Fabio Verga è quello a destra! 🙂

Betania’s auguri!

Ne ho vissuto con partecipazione la nascita e sono contento che l’esperienza continui… un “luogo” di amicizia, di incontro, di condivisione e confronto… una porta aperta sul mondo… uno sguardo sulla realtà… una Parola che apre al dialogo…
Grazie e avanti così!

Don Fabio

Ci ha scritto il nostro don Fabio Verga.

Ha davvero propiziato e incoraggiato la nascita del Betania’s, diffondendolo poi in diverse forme presso la Comunità di Regina Pacis di Saronno. Come dimenticare la versione stampata “Take away” e le numerose “Officine” realizzate con la Sua appassionata disponibilità?  E’ uno tra i primi Autori con le sue Omelie.

Grazie a Te padre Verga per lo spontaneo incoraggiamento, e buon cammino a Te!

Quattro novembre. Tre candeline. Due commenti. Un amico in più.

Luigi Benedicenti – Pittore iperrealista

Chiamiamola pure vanagloria, mi sa che non sbagliamo. E vorremmo festeggiare con i due recentissimi commenti di Ben il terzo compleanno del Bar:

Che bell’articolo. Grazie.
Fede in Cristo. Sempre.

Questo blog è come una casa accogliente. Grazie
Pace a tutti voi…

“E non abbiam bisogno di (altre) parole per spiegare quello che è nascosto in fondo al nostro cuore.” Cit.

Buon compleanno Betania’s!

foto-torta-1-annoCari amici,

507 articoli, 350 commenti, 15761 visite (una media superiore alle 1000 al mese).

Questi i numeri, nudi e crudi, di un anno insieme.

Non si tratta di statistiche, bensì di un dono. Il dono di uno spazio condiviso dove si è potuto stare insieme, in allegria, con Gesù.

Tra i tanti “baristi”, ringrazio don Fabio che condivide le proprie riflessioni sui vangeli domenicali. Maurizio, “anima e core” di questo strampalato esercizio. Stefano, “l’esperto della canzone”, colui che diverte il Maestro riuscendo a fare esegesi di Toto Cutugno. Poi Norma, Silvia, Giuseppe, Roberto e i tanti altri che magari hanno regalato anche solo poche preziose parole. E un grazie anche agli “aficionados”, quelli che sai di trovare lì al bancone a farsi una birra col Signore (Luca, Gemma e Miriam su tutti).

Il Betania’s è una creatura ancora piccola e fragile. Vagisce e va accudita. Ed è consegnata a tutti voi. Tenta di balbettare qualcosa (di Dio) come può. Teneramente.

Un abbraccio e l’implorazione di una preghiera. Affinchè questa realtà possa essere il mignolino di un infante proteso verso il Maestro.

Gabriele