Preti scomodi e profetici

E’ questo il titolo che l’Osservatore Romano ha utilizzato per raccontare la visita di papa Francesco a Barbiana e a Bozzolo, dove ha pregato sulle tombe di don Lorenzo Milani e don Primo Mazzolari.

Scomodi perché hanno avuto il coraggio di andare anche contro corrente per cercare di vivere fedeli al Vangelo di Cristo senza compromessi, senza  se e senza ma …

Profetici perché vivendo in pieno il loro tempo facendosi prossimi alla gente che incontravano sono stati presenza e testimonianza del Crocifisso risorto e vivo nella Chiesa …

 

Scomodi e profetici perché ebbero a dire …

don Lorenzo Milani:

Se voi però avete diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni son la mia Patria, gli altri miei stranieri

don Primo Mazzolari:

È finito il tempo di fare da spettatore sotto il pretesto che si è onesti e cristiani. Troppi ancora hanno le mani pulite perché non hanno mai fatto niente. Un cristiano che non accetta il rischio di perdersi per mantenersi fedele a un impegno di salvezza, non è degno d’impegnarsi col Cristo

 

Cristo e Giuda. Parola di don Primo.

christus-und-judas

Riceviamo dal nostro don Fabio Coppini. Immagine e commento, come ci è già capitato di proporre, da stampare e tenere in vista sulla porta del frigo… Il debordamento della misericordia, ha già chiosato il nostro amico Paolo Curtaz.

Papa Francesco, aprendo la sera del 16 giugno in San Giovanni in Laterano il convegno della
diocesi di Roma, ha parlato di un antico capitello medievale che a un estremo rappresenta Giuda e dall’altro Gesù che porta il traditore ormai morto sulle spalle: «Don Primo Mazzolari fece un bel discorso su questo, era un prete che aveva capito bene questa complessità della logica del Vangelo: sporcarsi le mani come Gesù, che non era pulito e andava dalla gente e prendeva la gente come era, non come doveva essere». Francesco ha fatto riferimento a un capitello della basilica di Vézelay, in Borgogna Continua a leggere