Di fronte alla vita …

Leggendo un libro di Duccio Demetrio, “Filosofia del camminare”, mi sono imbattuta in un quadro di Balthus (al secolo Balthasar Klossowski): La Montagna, un olio su tela, che si trova al Met di New York:

Working Title/Artist: The Mountain Department: Modern Art Culture/Period/Location: HB/TOA Date Code: Working Date: 1937 photography by mma, DP1308.tif touched by film and media (kah) 04_04_14

Sicuramente aveva ben altro in mente quando ha dipinto questi sette personaggi sull’altopiano.

Osservandolo ho intravisto sette modi diversi di porsi di fronte al mistero di quel benedetto e fantastico lavoro, che è la vita.

Sulla sinistra una figura maschile con lo sguardo teso e critico: la razionalità che si interroga e quasi vuole mettere in dubbio l’inspiegabile.

Vicino a lui una donna che si stiracchia: il risveglio dei sensi e delle emozioni alla luce di un nuovo mattino.

Accanto a lei un’adolescente che sta dormendo: la fatica o l’indifferenza di fronte a ciò che risulta incomprensibile.

Poco dietro, un ragazzo che si rilassa guardando in alto: l’affidamento a Qualcuno che sta oltre.

Più in là, in secondo piano, una coppia: la condivisione nella e della sorte che hanno deciso di giocarsi insieme.

In fondo, sulla destra, una presenza lontanissima: la fuga o la solitudine di chi non vuole nemmeno mettere in dubbio le proprie certezze.