L’altro paio.

Premiato al Cairo, al Festival del Cinema 2014, quale migliore cortometraggio egiziano, in poco più di quattro minuti, “L’altro paio” ispirato a un episodio della vita di Gandhi,  racconta la vicenda di due bambini, l’uno povero, l’altro ricco, ma entrambi ricchi di generosità. Non si scade mai nel banale o nella commozione troppo facile. La regista, Sarah Rozik, ha solo 20 anni. Imperdibile! Grazie al nostro don Fabio Verga per la segnalazione.

 

“Stia con noi”: la magia di una cena.

Amici! …ma leggetevi quali cose belle questa ragazza  mette… sul tavolo!

Pane & Focolare

La Bella e la Bestia” è una fiaba famosa, della quale esistono molte versioni. Dal racconto sono state tratte opere liriche e teatrali, trasposizioni cinematografiche. Nel 1991 la Disney ha realizzato una film d’animazione che ha avuto uno straordinario successo, anche grazie alle sue belle musiche che hanno vinto l’Oscar per la migliore colonna sonora. Nel prologo del film della Disney si racconta la storia di un principe viziato, egoista e cattivo, che una notte d’inverno caccia via una vecchia mendicante arrivata al castello chiedendo riparo dal freddo pungente. In realtà la vecchia era una fata, che punisce il principe per il suo egoismo: lo trasforma in un essere mostruoso e i suoi servitori in oggetti incantati.  

View original post 470 altre parole

La moltiplicazione. Frammenti: don Federico Bareggi.

**ADVANCE FOR MONDAY, MARCH 24--FILE** Egyptian protesters share a loaf of bread while chanting anti government and anti President Hosni Mubarak slogans during a demonstration in front of an ancient mosque to protest high prices and government carelessness, in Cairo, Egypt, in this Jan. 18, 2007 file photo. (AP Photo/Nasser Nasser, file)

Per parlare della “Moltiplicazione dei pani” ai ragazzi ho preparato 2 simboli: degli occhiali e alcuni zaini.

Gli occhiali ci spiegano quello che sa fare Gesù. Dice l’Evangelista Matteo: “Gesù guarda la folla con compassione”. Possiamo dire quest’anno: con misericordia cioè con amore, capace di vedere i bisogni delle persone che incontra. Dovremmo metterci anche noi gli occhiali della misericordia e della compassione! Così emergono le cose più belle, come quando un ragazzo e una ragazza si guardano con amore. Come quando i genitori Continua a leggere