Marinai dell’anima.

Cari Amici,

che strana avventura è la giornata di un uomo in lotta con se stesso, quando si scopre desolatamente non migliore del giorno precedente. Ma, non c’è avventura più bella che quella della propria vita, quella che ciascuno può vivere, che è in grado di vivere. Non ha importanza se essa sia diritta o tortuosa. Basta che una Luce la guidi, la attragga, la orienti, la chiami…

Un abbraccio a Voi tutti.

Fausto CORSETTI

Tutti, con diversa intensità, conduciamo dentro di noi un dialogo interiore.
Ci sono alcuni, in particolare se vivono da soli, che a questo dialogo danno persino voce, con soliloqui nei quali due personaggi discutono tra di loro.
I pensieri si dipanano in continua alternanza fra quello che vorremmo essere e fare e quello che in realtà facciamo e siamo, fra le mete che vorremmo conquistare e l’autocritica che ci prospetta i nostri limiti, a volte esasperandoli.
I pensieri corrono come velieri nel mare della nostra Continua a leggere

Facce da italiani. Aldo Fabrizi.

aldo-f1-291x370Mi’ padre me diceva
***
Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione
a chi chiacchiera troppo; a chi promette;
a chi, dop’èsse entrato, fa: “permette?”;
a chi aribbarta spesso l’opignone.
***
E a quello co la testa da cojone,
che nu’ la cambia mai; a chi scommette;
a chi le mano nu’ le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ‘gni occasione …
***
… pe dì de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre: “so’ d’accordo”;
a chi s’atteggia com’er più ber fico.
***
A chi parla e se move sottotraccia;
ma soprattutto a quello, er più balordo,
che, quanno parla, nun te guarda in faccia.
***
Aldo Fabrizi

Ironia, autoironia e libertà.

robin-williams-1

Proponiamo questo buon articolo su

Ironia, autoironia e libertà

“«La libertà – scriveva Victor Hugo – comincia dall’ironia» e la libertà non è valore da poco. Faccia seria, muso lungo, occhi bassi, aria indaffarata, frenesia compiaciuta, pensiero altrove, alta autostima, pregiudizio pronto, certezza sulle proprie idee e sui propri mezzi. A volte consegnamo la nostra libertà in mano alle sicurezze che noi stessi ci siamo costruiti, imprigionandola per difenderci da un mondo che cogliamo nemico e per non metterci in discussione. L’altro giorno, per strada, stavo per incrociare una persona che non giudico molto Continua a leggere