Le pagine del Vangelo scritte come un romanzo.

L’episodio, narrato da Luca (Lc 7,36-50), della peccatrice che bacia i piedi a Gesù
L’episodio, narrato da Luca (Lc 7,36-50), della peccatrice che bacia i piedi a Gesù

 Il teologo portoghese spiega come in Luca l’anima del racconto non è rappresentata dalla trama ma dal suo protagonista. La finalità è rivelare come Egli sia l’unico attraverso il quale possiamo giungere alla salvezza. (Lidia)

 Josè Tolentino Mendonça

Aristotele sosteneva che l’anima del racconto è la trama, e che i personaggi vengono al secondo posto. In Luca, tuttavia, osserviamo il contrario: il protagonista è la vera anima del racconto, e la trama, come del resto la formula di apertura dichiara (1,1-4), ha la funzione di rivelare il personaggio. Sono le peculiari caratteristiche della figura di Gesù a determinare il tipo di racconto che il Vangelo costituisce. Continua a leggere