Immagina: il Cimitero monumentale di Milano.

Annunci

Milano: la cerchia dei Bastioni ha la forma di un cuore.

Due progettisti disegnano Milano (ri)scoprendo che il suo centro ha la forma del simbolo dell’amore.

di MARTA GHEZZI – Corriere del 24/2/2018

Quasi nessuno sa che il centro di Milano ha la forma di un cuore. La punta in Porta Romana, dove c’è l’arco, il contorno che sale, da una parte e simmetricamente dall’altra, lungo le mura spagnole, per poi abbassarsi poco sotto piazza Cairoli. C’è una leggenda, poco circolata o forse solo dimenticata, che ne spiegherebbe la ragione. È legata a una storia d’amore: le mura, che sostituirono le precedenti medievali, avrebbero quel profilo in quanto regalo di nozze del re di Spagna Filippo III alla futura sposa Margherita d’Austria. Ci voleva l’occhio allenato di Continua a leggere

Tra i volti e i colori «ritrovati» di San Maurizio.

san_maurizio_2

Condivido con gli amici del Bar il regalo di onomastico da parte degli amici Lidia e Giordano, ispiratori della nostra rassegna stampa.

Esperienza di bellezza nella «Cappella Sistina» di Milano

LUCA FRIGERIO

Dolci e languide sono le sante dipinte da Bernardino Luini. Fanciulle dallo sguardo gentile, pudico e sereno. Angeli di diafano candore, illuminati dalla luce divina. Fuori la vita scorre con le sue frenesie e le sue noie, ma qui, nella quiete della chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, nel cuore della metropoli milanese, il tempo pare finalmente fermarsi in un istante d’eternità. Fra colore e meraviglia.
Non perda tempo Continua a leggere

Barbera, champagne, trani a gogo: la Milano di Gaber

…fantastico! I bar descritti qui sembrano il nostro Betania’s. L’autrice, il nostro esperto… Grazie!

Pane & Focolare

La serata al bar con gli amici è un classico rito, presente a tutte le latitudini, con i suoi aspetti positivi e negativi. E’ certamente apprezzabile questo desiderio di compagnia, rispetto alla solitudine individualista di coloro che si sdraiano sul divano e cominciano a fare zapping con il telecomando in mano. C’è purtroppo l’altra faccia della medaglia: il rischio dell’alcoolismo è dietro l’angolo, grave piaga sociale che mina la felicità di molte famiglie e rovina la gioventù.

View original post 427 altre parole

Cripta Santo Sepolcro. Alle origini di Milano.

criptaNuovo contributo segnalato dalla nostra Lidia che commenta: «Milano, fonte continua di arte e religiosità.»

Riapre la chiesa sotterranea. Da cinquant’anni era chiusa al pubblico.

ANDREA D’AGOSTINO

Da ben cinquant’anni era inaccessibile. Dopo un lungo restauro, la cripta della chiesa del Santo Sepolcro riapre al pubblico che potrà così riscoprire uno dei tanti gioielli di Milano caduti nell’oblio. Cinquant’anni, mezzo secolo, sono tanti. «È come se due generazioni di milanesi non ci fossero mai state», ha detto la soprintendente Antonella Ranaldi. Eppure le radici della città affondano proprio qui, come si ricordò Leonardo da Vinci: in un disegno nel Codice Atlantico, raffigurante una mappa cittadina, l’artista tracciò al centro un quadratino indicando proprio la chiesa come il ‘vero mezzo’ di Milano, cioé il vero centro. E san Carlo Borromeo, Continua a leggere

La strada dei vescovi nel cuore della città.

La "nuova" via Carlo Maria Martini" a Milano.
La “nuova” via Carlo Maria Martini” a Milano.

La proposta di oggi di Lidia:

DI LUCA FRIGERIO
Centralissima, nel cuore di Milano, la via che ora  viene intitolata al cardinale  Carlo Maria Martini collega  piazza Duomo con piazza  Fontana. Si tratta di una strada pedonale, con  basolato all’antica, sulla  quale si affaccia il fianco  meridionale della Cattedrale  e il Palazzo arcivescovile con  l’ingresso alla canonica, da  cui il nome fino ad oggi in uso di «via dell’Arcivescovado». In  passato, però, questa via si  chiamava «Gola del Verzaro»,  perché era piuttosto stretta e  conduceva allo spiazzo dove, forse già in epoca medievale, Continua a leggere