All together!

51250pIn quale posto del mondo si ricordano insieme vittima e assassino con lo stesso trasporto, la stessa commozione, ammirazione, venerazione? In una Chiesa, ovvio. Solo il Cristianesimo è capace di tanto. O meglio, solo Cristo.

La scorsa Domenica ho avuto l’inattesa fortuna di partecipare all’Eucarestia in quel di Seveso (MI), in una Chiesa intitolata a san Pietro da Verona.

Pietro, nato sul finire del XII secolo da una famiglia di eretici manichei, si convertì al Cristianesimo in giovane età ed entrò poi nell’ordine domenicano.

Spese la propria vita a contrastare le eresie soprattutto in Lombardia finchè il 6 Aprile 1252, presso Barlassina, il suo cranio fu sfondato da un sicario assoldato dai capi delle sette di Milano, Lodi, Pavia e Bergamo. Continua a leggere