I Politici santi e i “son casi miei”.

San Tommaso Moro venne dichiarato patrono degli statisti e dei politici da Papa Giovanni Paolo II

Paolo VI proponeva la Politica come più alta forma di Carità.

Si cerca invece di diffondere, provocatoriamente e pervicacemente, l’idea che un politico debba amministrare bene ma, nonostante il ruolo pubblico, non debba rispondere del suo privato con coerenza: sarebbero “casi suoi”.

Giuseppe Toniolo beatificato nel 2012.

Don Luigi Sturzo. Processo di Beatificazione avviato nel 2002.

Alcide De Gasperi (Benedetto XVI: E’ nota “la dirittura morale, basata su un’indiscussa fedeltà ai valori umani e cristiani, come pure la serena coscienza morale che lo guidò nelle scelte della politica”.)  Processo di Beatificazione avviato nel 1993.

Giuseppe Dossetti

Alberto Marvelli. «Non abbiamo fatto niente per le elezioni, dobbiamo lavorare in profondità. In alcuni posti si lavora molto, ma non si fa niente. Bisogna lavorare in grazia di Dio…». Morì a 28 anni. Beatificato nel 2004.

Giorgio La Pira era persona amata ed apprezzata da tutti, anche dagli avversari politici, per la sua coerenza di vita e il suo grande spirito di servizio incarnato nel fare politica per le persone. Processo di Beatificazione avviato nel 1986.

Aldo Moro. Terziario domenicano.

Piergiorgio Frassati. Morì a 24 anni. Beatificato nel 1990.

Igino Giordani. Processo di beatificazione avviato nel 2004.

Domenico Antonio Mangano. Processo di beatificazione avviato una settimana fa.

Enrico Medi.  Processo di beatificazione avviato nel 1993.

Benigno Zaccagnini. (Il Card. Ersilio Tonini:  “la Chiesa ha bisogno di questi santi” e “Zaccagnini era una creatura santa, dalla coscienza nitida. Aveva un rapporto singolare col Signore”.)

Luigi Calabresi

Chissà quanti ancora…

Son casi miei. Mi sembra, per usare un eufemismo, pensiero debole. Continuo a sperare che emergano invece numerosi politici santi. Con tutto il rispetto, ma… “tutti gli altri son nessuno”.

 

Facce da italiani: Chiara Corbella.

“La sofferenza infatti è scuola, alimento e forza dell’amore. ‘Afflitti, ma sempre lieti’ (2Cor 6,10)… Questa vita passerà e allora inizierà la nostra vera ricompensa. Nulla, nemmeno la più piccola fatica, nemmeno la più piccola sofferenza, abbracciata per la gloria di Dio sfuggirà ad una abbondante ricompensa, e questo per l’eternità intera. Dio ricompenserà non soltanto quello che avremo fatto, ma anche quello che avremmo desiderato fare, pur senza aver avuto la forza sufficiente per portarlo ad effetto. Desiderare, dunque, ma desiderare senza limiti!”
(San Massimiliano Kolbe)

Oggi 13 giugno ricorre il quinto Anniversario della nascita al Cielo di Chiara.

Scopri QUI qualche accenno della sua Storia di Santità.

Pensando alla santità come vita eterna. Niente di meno.

fonte: Shutterstock

“Quando mi avvertiranno che alla fine del mondo non manca che un solo anno, non rinuncerò ad amare mia moglie, ad avere con lei un altro bambino, a fare scoprire agli altri miei cinque figli la poesia di Dante…
Perché so che questa vita non serve per avere un futuro ma perché ciascuno abbia la vita eterna”

– Fabrice Hadjadj –
fonte: “L’Osservatore Romano“, 4 marzo 2011

Pensando alla santità: il servo di Dio Carlo Acutis.

Carlo è morto di leucemia a 15 anni ma aveva le idee particolarmente chiare riguardo la santità. Qui ci confida alcuni consigli specialissimi per ottenerla velocemente.

1) Bisogna volerlo con tutto il cuore e se non lo desideri ancora devi chiederlo con insistenza al Signore
2) Cerca di andare tutti i giorni alla Santa Messa e di fare la Santa Comunione
3) Ricordati di recitare ogni giorno il Santo Rosario
4) Leggiti ogni giorno un brano della Sacra Scrittura
5) Se riesci fai qualche momento di Adorazione Eucaristica davanti al Tabernacolo dove è presente realmente Gesù così vedrai come aumenterà prodigiosamente il tuo livello di santità
7) Se riesci confessati tutte le settimane anche i peccati veniali
8) Fai spesso propositi e fioretti al Signore e alla Madonna per aiutare gli altri
9) Chiedi continuamente aiuto al tuo Angelo Custode che deve diventare il tuo
migliore amico

fonte: http://www.carloacutis.net/pages/vita.html

La bellezza dell’affidarsi.

Norman Rockwell "Freedom from fear"
Norman Rockwell “Freedom from fear”

Continuiamo ad attingere allo “Scrigno della memoria”. Si tratta di contributi che la nostra Antonietta Porro ha pubblicato anche sul periodico della parrocchia di san Giulio in Barlassina. E che dedica volentieri al nostro Bar…

ANTONIETTA PORRO

Una delle circostanze che, da bambina, mi rendevano più felice era quella in cui per qualche piccolo problema di salute, di quelli che ai bambini capitano di frequente, diventavo l’oggetto delle attenzioni speciali della mamma: ero, sì, costretta a letto, ma venivo coccolata più del solito e, anche se non mi sentivo in perfetta forma, sapevo di non dover pensare a nulla perché qualcuno pensava a me, qualcuno che certamente mi voleva bene e certamente sapeva quel che c’era da fare per farmi sentire meglio. Era, insomma, una specie di conferma che Continua a leggere

Il male.

La reliquia della "sacra Culla", che rimanda alla mangiatoia in cuui nacque Gesù, è conservata nella Basilica di Santa Maria Maggiore.
La reliquia della “sacra Culla”, che rimanda alla mangiatoia in cui nacque Gesù, è conservata nella Basilica di Santa Maria Maggiore in Roma.

Il lento omicidio dell’anziano di Siracusa e il Natale. Per nulla sentimentale.

MARINA CORRADI

Si chiamava Giuseppe Scarso, ma lo chiamavano tutti “don Pippo”. Aveva 80 anni ed è morto pochi giorni fa, dopo due mesi e mezzo di agonia. La notte del 1 ottobre, a Siracusa, era stato dato alle fiamme da una banda di tre ragazzi appena maggiorenni. Per gioco.

Il signor Giuseppe non dava fastidio a nessuno: viveva solo, girava per il quartiere appoggiandosi al suo bastone, era un po’ sordo, ma sempre gentile, con il sorriso fragile e benigno che gli davano i suoi anni. I tre ragazzi, invece, avevano un problema: si annoiavano Continua a leggere