Che cosa ci porterà l’onda lunga del cosmo?

ondeQuando la Scienza si coniuga con la Fede è proprio il top. E’ il commento della nostra Lidia.

di LUCA BORTOLI
L’11 febbraio 2016 è già diventata una di quelle date fondamentali per la storia dell’umanità, una pietra miliare nella strada che la scienza ha compiuto finora. L’annuncio della scoperta delle onde gravitazionali arriva in contemporanea dagli Usa e da Pisa. È lì che hanno sede i due progetti scientifici internazionali Ligo e Virgo che dal 2007 danno la caccia in forma congiunta a queste increspature dello spazio-tempo previste esattamente un secolo fa da Albert Einstein nella sua teoria della Relatività generale. Di fronte all’uomo si aprono inedite possibilità finora appena immaginate: oggi studiare l’universo fino al Big Bang e osservare corpi celesti prima del tutto ‘invisibili’ come i Buchi neri è tutt’altro che fantascienza. Continua a leggere