La foresta dei giusti.

La stele dedicata all’italiano Giorgio Perlasca nel giardino Yad Vashem

di FAUSTO CORSETTI

E’ necessario e giusto ricordare il passato. Bisogna ricordare per impedire che la Storia si ripeta, che la violenza e l’odio razziale, vinti una volta si ripropongano in forme nuove, dietro altre intolleranze, altre battaglie. Per questo il nostro Paese ha aderito a una proposta internazionale e ha istituito dal 2000 “La Giornata della Memoria” per commemorare le vittime del nazismo e dell’Olocausto, il 27 gennaio. Una data storica: il 27 gennaio del 1945, quando si aprirono i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz e i pochi superstiti furono liberati, il mondo vide l’orrore del genocidio nazista.
Ma la Giornata della Memoria serve anche a ricordare tutti coloro che, a rischio della propria, hanno salvato altre vite. Più di mezzo secolo fa, una mattina del 1953, al Parlamento dell’antichissimo e nuovo Stato d’Israele veniva deciso di dare vita a una foresta in una vasta e ancora poco popolata zona della capitale, Gerusalemme, là dove erano solo ciuffi d’erba. Si decideva di piantare lì un albero per ogni persona non ebrea che in Europa, Continua a leggere