Ma è assenza o Presenza?

In Dante l'”assenza” ha suscitato nientemeno che la Divina Commedia…

Assenza_00-940x250

Nessuno comincia ad amare una donna se prima non si è dilettato della sua bellezza. Né, tuttavia, avviene che appena gode del suo aspetto la ami. Segno di amore completo è il fatto che quando essa è assente la desidera, avverta la sua assenza come un grave peso e ne brama la presenza.

San Tommaso d’Aquino (in IX Eth. Lectio 5, 1024) 1225 – 1274

 

Amare una donna e arrivare a Dio…

Dante Alighieri 1265 -1321

Annunci

“L’educazione è un problema da mo’.”

"L'attimo fuggente"
“L’attimo fuggente”

“Caro maestro,
lei dovrà insegnare al mio ragazzo
che non tutti gli uomini sono giusti,
non tutti dicono la verità;
ma la prego di dirgli pure
che per ogni malvagio c’è un eroe,
per ogni egoista c’è un leader generoso.

Gli insegni, per favore,
che per ogni nemico ci sarà anche un amico
e che vale molto più una moneta guadagnata  con il lavoro che una moneta trovata.
Gli insegni a perdere,
ma anche a saper godere della vittoria,
lo allontani dall’invidia e gli faccia riconoscere l’allegria profonda di un sorriso silenzioso.

Lo lasci meravigliare del contenuto dei suoi libri,
ma anche distrarsi con gli uccelli nel cielo,
i fiori nei campi, le colline e le valli. Continua a leggere

V Domenica dopo il Martirio di S.Giovanni Battista: omelia

xyzAxesIn questa domenica ci vengono presentate quelle che io chiamerei

le coordinate della Fede.

Sono due e hanno un comune denominatore: il verbo “amare”.

Su questo verbo noi dobbiamo sempre rimetterci in pista

e ritrovare il cammino di una fedeltà e l’orizzonte vero di una Speranza.

Dicevo due coordinate. La prima è Dio. E dice così:

Ascolta, o Israele. Tu amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore,

con tutta l’anima e con tutte le forze.

Questi precetti che oggi ti do, ti stiano fissi nel cuore. Li ripeterai ai tuoi figli.

Continua a leggere

Parlarne tra amici è un sollievo.

Renzo“Raccontò anche lui all’amico le sue vicende, e n’ebbe in contraccambio cento storie, del passaggio dell’esercito, della peste, d’untori, di prodigi. «Son cose brutte» disse l’amico, accompagnando Renzo in una camera che il contagio aveva resa disabitata; «cose che non si sarebbe mai creduto di vedere; cose da levarvi l’allegria per tutta la vita; ma però, a parlarne tra amici, è un sollievo».”
A. MANZONI, I Promessi Sposi, cap. XXXIII, 1827

Non nobis Domine.

Schlacht_von_AzincourtBattaglia di Agincourt.

Dipartimento Passo di Calais, Francia. 25 ottobre 1415.
La vittoria dell’esercito di Enrico V su quello più potente di Carlo VI segna il periodo più fulgido della Storia d’Inghilterra.
Re Enrico, dopo aver vinto la battaglia, nella piena consapevolezza che gli esiti non gli sarebbero comunque appartenuti, esorta tutti a cantare il “Non nobis“.

 

“Non nobis, Domine, sed nomine Tuo da gloriam”

 

Certi che la maggior gloria di Dio sarebbe stata nella Pace tra gli uomini, valorizziamo almeno il principio che “Non al nostro, ma al nome Tuo da Gloria!”

Ecco la clip dal film “Enrico V” di e con Kenneth Branagh. 1989 – dall’opera omonima di W. Shakespeare: